Su quale evidenza scientifica si basa Skudo®wave?

SKUDO®WAVE È STATO TESTATO

scientificamente “in vivo”, ossia direttamente sull’uomo e “in vitro” sia in merito all’efficacia nel trasferire le sue proprietà di protezione alla materia, sia per la capacità di ridurre il rischio di danno biologico cellulare al DNA che può generarsi quando si contravviene al consiglio di tenere il cellulare distante dal corpo durante una telefonata.


TEST IN VIVO
presso un laboratorio di medicina cellulare e microscopia in campo scuro prelevando una goccia di sangue dall’orecchio prima e dopo una telefonata con e senza Skudo® (vedi il test)

TEST IN VITRO

presso il Dipartimento di Sanità Pubblica dell’Università di Perugia che, con il test della cometa, ha evidenziato la vitalità delle cellule linfoblastoidi di derivazione umana (Jürkat) dopo l’esposizione al campo elettromagnetico generato dal telefono acceso in trasmissione in presenza del dispositivo Geoprotex® (oggi denominato Skudo® e Skudo®Wave), rilevando che tale campo non produce effetti citotossici.

La conclusione del Dr. Massimo Moretti del laboratorio di Tossicologia Genetica dell’Università di Perugia Sezione Sanità Pubblica è stata pertanto che “il dispositivo -(precedentemente denominato “Convertitore d’Onda Geoprotex®) – è in grado di ridurre significativamente gli effetti genotossici conseguenti alla esposizione alle radiofrequenze prodotte da un telefono cellulare, riconducendo il danno primario al DNA causato dal telefono cellulare in trasmissione a livelli praticamente sovrapponibili a quelli del controllo negativo”. (vedi il test)

I risultati ottenuti sono stati accettati dal Comitato Scientifico del SITI, la più importante società scientifica italiana che opera nella Sanità Pubblica, che li ha pubblicati sugli Atti del 43° Congresso Nazionale. (vedi pubblicazione)