Una ricerca, effettuata da un gruppo di ricercatori spagnoli dell’Istituto di Ricerca Neurodiagnostica di Marbella, pubblicato lo scorso dicembre sul Sunday Mirror; ha rilanciato i timori sulla nocività dei cellulari.
La novità dello studio è che per la prima volta sono state utilizzate “cavie” umane per misurare gli effetti delle radiazioni dei cellulari sui bambini.

Gli esperimenti sono stati condotti su un ragazzo di 11 anni e una ragazza di 13 anni, usando uno scanner Cateen collegato a un dispositivo in grado di misurare l’attività delle onde cerebrali.
Grazie allo scanner è stato possibile visionare come le radiazioni emanate dal cellulare disturbino l’attività delle onde cerebrali fino ad un’ora dopo la fine della telefonata.

Il dottor Gerald Hyland, consulente del Governo inglese proprio in materia di telefonia cellulare, ha definito i risultati “estremamente preoccupanti”, ed ha aggiunto che “c’è da chiedersi se è il caso che i bambini, il cui cervello è in fase di sviluppo, continuino ad utilizzare i cellulari”.

I risultati dei ricercatori spagnoli, dimostrerebbero che una telefonata di soli due minuti può alterare la naturale attività del cervello di un bambino fino ad un’ora dopo la fine della conversazione telefonica, scoprendo per la prima volta come le onde radio penetrano in profondità all’interno del cervello.

Un’anomalia che potrebbe influire negativamente sull’umore o sulla capacità di apprendimento dei bambini a scuola, quando per esempio usano il cellulare durante la ricreazione.

Ancora non conosciamo tutte le conseguenze legate all’uso dei cellulari, ma l’alterazione delle onde cerebrali potrebbe portare a una perdita di concentrazione e di memoria, ridurre la capacità d’apprendimento e aumentare l’aggressività.

I risultati della ricerca spagnola, coincidono con la pubblicazione di un sondaggio condotto in Inghilterra, da cui emerge che l’87% dei ragazzi tra gli 11 e i 16 anni possiedono un cellulare e che il 40% di essi lo usano per 15 o più minuti al giorno.

Il dottor Hyland, che intende pubblicare i risultati della ricerca in un prossimo numero dell’autorevole giornale medico inglese The Lancet, ha affermato: “I risultati della ricerca inglese mostrano che non esiste un limite di sicurezza nell’uso dei cellulari.

Non sappiamo se e quali danni permanenti sono prodotti da questa esposizione. Se fossi un genitore, starei molto attento a lasciare usare il cellulare a mio figlio, anche solo per un breve periodo. Il mio consiglio è di evitarne l’uso”.

Il dottor Michael Klieeisen, che ha condotto lo studio, ha affermato: “Abbiamo potuto osservare nei minimi dettagli, ciò che accade nel cervello.
Non ci aspettavamo di vedere le alterazioni delle onde cerebrali protrarsi per così lungo tempo.
Siamo preoccupati che i delicati equilibri esistenti, come quello dell’immunità a infezioni e malattie, possano essere alterati da interferenze con gli equilibri chimici del cervello”.

Un portavoce del Ministero della Sanità inglese ha aggiunto che: “L’uso del telefono cellulare per i bambini dovrebbe essere limitato a brevissimi periodi”.

E’ invece di qualche mese, la ricerca dell’Università di Zurigo che ha rivelato alterazioni nell’attività sottocorticale del cervello umano e disturbi del sonno in chi usa il telefonino.

Analoghe risultanze erano già emerse da ricerche analoghe svolte in Gran Bretagna.
By Carlino Acaulis
tratto da AAMterranuova